Cavolo riccio: un vegetale multiproprietà

Il cavolo riccio è un vegetale molto popolare, che appartiene alla famiglia del cavolo (Brassica oleracea). Le sue foglie possono essere verdi o viola con mille tonalità e hanno generalmente una forma riccia su un gambo duro e fibroso.

Dal sapore similare alla verza, in passato era molto usato, mentre col tempo è stato sostituito dal cavolo, dalla colza, dal ravanello, dalla rapa e dal cavolfiore. Ad oggi, grazie ai numerosi studi scientifici che evidenziano i molteplici benefici di questo vegetale, è addirittura considerato uno dei cibi più salutari e nutrienti.

Oltre ad essere ricco di sali minerali come ferro, manganese, calcio, rame, potassio e magnesio, è un vero e proprio concentrato vitaminico, e in particolare è il più ricco alimento di vitamina A, K e C, contenute rispettivamente il 206%, 684% e 134% della dose giornaliera raccomandata.

 

PROPRIETA’ ANTIOSSIDANTI

Il cavolo riccio, come altri vegetali a foglia verde, è ricco di antiossidanti. Tra questi ci sono beta-carotene, vitamina C, flavonoidi e polifenoli.

Gli antiossidanti sono molecole molto importanti, contrastano l’azione dei radicali liberi, sostanze che causano il danno ossidativo. Quest’ultimo, è alla base dei processi di invecchiamento e degenerazione cellulare, che provocano patologie tra cui cancro, Alzheimer, Parkinson, diabete mellito. Tra i principali antiossidanti   presenti nel cavolo riccio, ci sono la quercitina e il kaempferolo, che svolgono proprietà cardioprotettive, e sono anche antitumorali, antinfiammatori, antivirali e antidepressivi naturali.

 

PROTEZIONE OSSEA

Nel cavolo riccio sono presenti grandi quantità di vitamina C, molecola necessaria per la produzione di collagene, la proteina strutturale più abbondante del nostro corpo, fondamentale per la composizione di ossa, epidermide, cornea, cartilagine e tendini. La presenza di vitamina K, inoltre, protegge dal rischio di osteoporosi.

 

PROTEZIONE DELL’APPARATO DIGERENTE E DEL CUORE

Il cavolo riccio contiene delle sostanze, dette sequestranti degli acidi biliari, che legano gli acidi biliari presenti nell’apparato digerente, evitando di essere riassorbiti. In questo modo viene ridotta la quantità di colesterolo totale nel corpo. Questo, secondo alcuni studi scientifici, potrebbe condurre, come risultato finale, a una riduzione dei rischi di malattie cardiache, avvalorata dalla presenza di vitamina K1 (una singola tazza di cavolo riccio contiene circa 7 volte la dose giornaliera raccomandata), associata alla protezione di malattie cardiache.

 

Il cavolo riccio è perfetto per cucinare zuppe, salse, creme di verdura e smoothies vitaminici.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Medica  –  What Do You See?
     
 

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)

RSS
Follow by Email
Twitter
Instagram