I 6 benefici dello zenzero

Lo zenzero (Zingiber officinale Roscoe) è una pianta erbacea perenne, alta circa 90cm e appartenente alla famiglia delle Zingiberacee, conosciuto anche con il nome inglese ginger. La pianta  presenta un rizoma, ovvero una modificazione del fusto con principale funzione di riserva che è  sotterraneo con decorso generalmente orizzontale. Il rizoma è proprio la parte medicinale e commestibile dello zenzero, ricco di olio essenziale, gingerina, zingerone, resine e mucillagini.
Originario dell’India e della Malesia, lo zenzero si sviluppa meglio in posti tropicali ma è possibile coltivarlo anche nel nostro clima, sia in terra che in vasi larghi, dato che la pianta si sviluppa in larghezza. Per coltivare lo zenzero in casa è possibile prendere il rizoma e piantarlo sotto la terra a pochi centimetri, e avere l’accortezza di nebulizzare spesso con acqua per ricreare l’umidità tipica di paesi tropicali. In inverno bisogna stare attenti alle basse temperature che possono danneggiare la pianta.
Quali sono le proprietà?
Lo zenzero contiene acqua, carboidrati, proteine, amminoacidi,  sali minerali tra cui manganese, calcio, fosforo, sodio, potassio, magnesio, ferro e zinco, vitamine del gruppo B, vitamina E e olio essenziale. I benefici di questa pianta sono molteplici, e molti di questi sono ancora in fase di approfondimenti scientifici.
Antitumorale
Alle piante della famiglia dello zenzero sono attribuiti poteri preventivi e terapeutici, oltre a un’attività anti-cancro.
Numerose ricerche scientifiche evidenziano l’attività protettiva e antitumorale dello zenzero, in particolare contro il cancro al colon-retto, al pancreas e alla prostata.
Contro la nausea
Masticare una radice di zenzero o preparare una tisana allo zenzero è molto efficace contro la nausea. Lo zenzero, oltre ad avere proprietà gastroprotettive e digestive scientificamente provate, auta anche a normalizzare la nausea in caso di gravidanza, mal di auto e mal di mare.
Antinfiammatorio e antidolorifico
Nel nostro organismo i processi infiammatori, che spesso causano il dolore, sono mediati da molecole dette citochine. Secondo diverse ricerche  scientifiche, la presenza di alcuni composti nello zenzero, permette di  inibire l’attività delle citochine: in questo modo alla pianta sono attribuite proprietà antinfiammatorie e antidolorifiche. Molti farmaci che contengono ibuprofene, come il moment e il brufen, non presentano questa attività antinfiammatoria, che invece caratterizza i farmaci a base di cortisone. Quindi, lo zenzero può essere un valido aiuto contro i dolori e le infiammazioni muscolari, articolari, gastriche e contro mal di testa e dolori mestruali.
Lo zenzero, inoltre, non provoca gli effetti collaterali dati dal cortisone come gonfiore, debolezza muscolare, aritmia cardiaca, pressione alta, ansia e problemi di insonnia, e può essere considerato un valido strumento terapeutico in alcune patologie infiammatorie. Prima di impiegarlo per fini terapeutici, chiedete sempre consiglio al vostro medico, che vi darà le giuste indicazioni su come utilizzarlo.
Previene le allergie
Secondo una ricerca pubblicata su The Journal of Nutritional Biochemistry, l’incidenza delle allergie è in forte aumento in tutto il mondo. Asma, febbre da fieno e altre malattie allergiche sono causate da una iper-attività delle immunoglobuline di tipo E, ovvero dei particolari anticorpi presenti nel nostro organismo. Nello studio si è studiato l’effetto antiallergico degli estratti di zenzero, in particolare dato da una specifica molecola, il 6-gingerolo. Quest’ultima, inibisce i mediatori dell’attivazione della risposta allergica immunitaria, con conseguente prevenzione e riduzione della rinite allergica.
Febbre e mal di gola
Essendo un antinfiammatorio aiuta molto in caso di faringite e laringite e avendo anche un’azione stimolante sul sistema immunitario è molto utilizzato per combattere raffreddore e febbre.
Anticoagulante
Su quest’ultima proprietà la ricerca è ancora aperta: si sta infatti valutando l’effetto dei composti dello zenzero sul sistema cardiocircolatorio, e quindi sulla pressione arteriosa e la viscosità sanguigna.
Se avete particolari patologie come quelle che ho elencato o se assumete farmaci particolari, prima di assumere zenzero per scopi curativi, rivolgetevi sempre al vostro medico curante, il quale, in base alle caratteristiche specifiche della vostra malattia, vi potrà consigliare con quale frequenza e in quale dose assumere lo zenzero per trarre dei benefici.
In generale, per godere delle proprietà dello zenzero è possibile prepararsi una tisana utilizzando direttamente il rizoma, oppure aggiungere lo zenzero essiccato durante la preparazione di zuppe, carne, pesce, verdura.
Tisana allo zenzero
La tisana allo zenzero ha un gusto molto particolare: inizialmente si percepisce un sapore agrumato intenso, e subito dopo una sfumatura più piccante e pungente. Questo dipende molto dalla quantità di radice che si utilizza nella preparazione del decotto. Quindi, per la preparazione della tisana,  se siete amatori dei sapori decisi utilizzate circa 10 grammi di rizoma fresco privato della pellicina esterna e lasciatelo bollire in acqua per 7/8 minuti. Altrimenti se preferite una tisana dal carattere più delicato, basteranno 5 grammi di rizoma.
Dopo averla filtrata, gustate la vostra tisana allo zenzero al naturale o aggiungete a piacere miele e/o succo di limone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Medica  –  What Do You See?
     
 

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)

RSS
Follow by Email
Twitter
Instagram